PDF Stampa E-mail

Associazione ONLUS

Fondata nel 1994 dal Dott. Mario Bentivegna, per dare assistenza e supporto ai pazienti in fase avanzata di malattia e supporto alle loro famiglie.

L’associazione S.A.M.O.T. Ragusa ONLUS viene costituita con atto notarile in data 07 marzo 2001, con sede legale e operativa a Ragusa in via M. Rumor n. 8/10.

L’associazione è iscritta alla CCIAA di Ragusa dal 16/09/2011 REP. n° 123394,  all'Anagrafe Unica delle Organizzazioni Non Lucrative di Unità Sociale ai sensi del Decreto del Ministero e dell’Economia e delle Finanze n°266 del 28 luglio 2003.

L’associazione dal 04 marzo 2008 è iscritta al Registro delle Associazioni di Solidarietà Familiare di cui all’Art. 16 della Legge Regionale n°10 del 31 luglio 2003 e dal 2004 alla Federazione Italiana di Cure Palliative.

L’associazione è certificata dal Sistema di Gestione della Qualità UNI EN ISO 9001:2008.

L’associazione è socia dal 20 settembre 2007 del Consorzio Sisifo.

Dal 04/05/2012 è in possesso dell’Autorizzazione Sanitaria n°16 rilasciata dalla ASP di Ragusa per l’espletamento dell’attività di Assistenza Domiciliare ai malati Terminali che necessitano di Cure Palliative in base a quanto previsto dal D.A. 2280/11.

Associazione Samot Ragusa Onlus – Struttura accreditata in conformità al D. A. n. 2280/11 notificata dal competente Assessorato Regionale alla Salute con D.D.G. n. 942 del 16 Maggio 2013. 

Conta di 5 dipendenti e 36 collaboratori liberi professionisti.

L'èquipe multidisciplinare si compone di Medici esperti in cure palliative, Infermieri, Fisioterapisti, Assistenti Sociali, Psicologi, Operatori Socio - Sanitari e volontari.

La gestione del servizio si avvale di sistemi informatici ed informativi.

Il presidente in carica è Antonio Campo.

Etica lavorativa di SAMOT Ragusa ONLUS

Il servizio di Cure Palliative è di alto valore umano, morale e sociale ed è costituito da prestazioni psico-sociali e sanitarie erogate a domicilio. L’obiettivo principale è garantire la permanenza del malato fra le mura domestiche e nel contesto familiare e sociale di appartenenza, senza gravare significativamente sul normale svolgimento della vita quotidiana.